mercoledì 30 aprile 2014

Book Shout Out #10 - Era del sole di Elisa Erriu

Buongiorno carissimi lettori! Torna un nuovo appuntamento con la rubrica "Book Shout Out" a cadenza casuale per presentarvi libri di autori esordienti.
Il libro che vi presento oggi è intitolato "Era del sole" edito Tarantola editore e di recentissima uscita, pubblicato da una giovane autrice esordiente di nome Elisa Erriu. La trama è avvincente, misteriosa, carica di suspense e costruita attorno ad un curioso mix tra fantasy classico e mitologia giapponese. Ed è proprio così che viene descritto il genere dall'autrice: "non proprio un classico fantasy ma un nuovo genere fantasy reinterpretato con una chiave orientale della mitologia giapponese". 
Disputa tra bene e il male, un mondo reale e poi quello fantasy, devo essere sincera, sono molto incuriosita al riguardo e la cover del libro fa sicuramente la sua parte. E voi? Cosa ne pensate?
 


Titolo: Era del sole (ERA #1)
Autore: Elisa Erriu
Pagine: 320
Prezzo: 17,00
Data pubblicazione: 16 Aprile 2014
Dove acquistarlo: Libreria Trantola - Amazon
Link utili: Il libro |  Facebook
Trama: L’antica disputa tra Bene e Male è un gioco in cui gli uomini non comandano. Fin dall'alba dei tempi, i Kami, divinità con sembianze demoniache, e gli Yōkai, esseri mutaforma creati dall'unione di due anime, sono stati celatamente i veri padroni del destino. Perché il destino di tutti è legato al mistero dell’Era, e Ariom, la Signora dei Kami, custodisce tale mistero.
Questo segreto marchierà, come dono o maledizione, la vita della giovane Daila, obbligata a lottare non solo per lei e a combattere contro un rivale temuto come l’Amore. Il Rokalipse si avvicina e lei dovrà fare delle scelte. Scelte che potrebbero cambiare il mondo intero.
E nel confine silenzioso tra realtà o fantasia, l’Autrice non sa che col mondo da lei plasmato si sta per creare un legame indissolubile.

«I sogni siamo noi.
Sono alle volte ciò che è più reale di noi stessi.
Sono le nostre speranze, le nostre scelte, 
il nostro Spirito.
Sono le nostre uniche armi per combattere un 
destino che non ci appartiene»
L'autrice:

Elisa Erriu è nata a Cagliari, l’11 Ottobre del 1988. Ha frequentato il Liceo Classico ed ora è laureanda alla Facoltà di Lettere dell’Università Cattolica di Brescia. Amante dei libri e della scrittura sin da bambina, all’età di 12 anni inizia l’elaborazione del proprio romanzo “ERA”, di matrice FANTASY, di cui ne arricchirà la trama con esperienze di vita privata, fino ad arrivare alla stesura completa nel 2013.
Intanto, insieme a questa passione, si applica vivamente in self-taught anche al Disegno tradizionale.
Adora la cultura classica e norrena, in particolar modo quella giapponese, e tutt’e tre le hanno ispirato numerosi spunti per il libro.



martedì 29 aprile 2014

Teaser Tuesday #29 - Half Bad di Sally Green

Siamo di nuovo a martedì, come passa in fretta il tempo? Quindi come ogni settimana torno con la rubrica "Teaser Tuesday" ideata dal blog Should be reading con lo scopo di riportare il teaser del libro che abbiamo attualmente in lettura. Io sto ancora leggendo "Ti aspettavo" di J.Lynn (qui il teaser della scorsa settimana) e ho da qualche giorno "Half Bad" di Sally Green. Devo dire che è iniziato magnificamente, con una citazione dall'Amleto di Shackespeare: "Non c'è nulla di buono o di cattivo, al mondo, che il pensarlo in un certo modo non lo renda subito tale."
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri ad una pagina a caso
  3. Condividi qualche riga di testo della pagina
  4. Attenzione a non fare spoiler!
  5. Riporta il titolo e l'autore del libro

 il trucco
Ci sono questi due bambini, maschi, seduti vicinissimi, strizzati tra i braccioli grossi di una poltrona vecchia. Tu sei quello a sinistra.
L'altro bambino è caldo a stargli appiccicato addosso, e sposta lo sguardo dalla tivù a te, tipo al rallentatore.
«Ti piace?» chiede.
Fai segno di sì. Lui ti passa un braccio intorno alle spalle, e si volta di nuovo verso il televisore.
Poi tutti e due volete provare la cosa del film. Rubate la grossa scatola di fiammiferi dal cassetto della cucina e correte nei boschi.
Per primo provi tu. Accendi il fiammifero e lo tieni tra pollice e indice, lasciandolo bruciare finché non si spegne. Le dita si bruciano ma tengono lo stesso stretto il fiammifero annerito.
Il trucco funziona.
Ci prova anche l'altro bambino. Solo che lui non ci riesce.
Lascia cadere il fiammifero, lui.
Poi ti svegli e ti ricordi dove sei.
Ebbene sì, chi ha letto il libro può aver notato che il teaser è tratto proprio dalla prima pagina del libro. Mi è piaciuto molto questo spezzone e ancora devo capirci qualcosa. Mmm......e voi? Cosa ne pensate? Qual'è il vostro teaser della settimana?

domenica 27 aprile 2014

Book Haul #6

Rubrica a cadenza casuale, con lo scopo di riportarvi una breve descrizione riguardo gli ultimi acquisti fatti durante il mese o cumulative.


Beh...visto che pubblico di rado questa rubrica a cadenza casuale sugli acquisti, significa che sono brava e riesco a controllare i miei impulsi da acquisti ossessivo compulsivi riguardo i libri no? Vero? E invece no. La nuda, cruda e triste verità è che non sono mai riuniti insieme, o la luce non è mai abbastanza buona per i miei orari da far sì che escano delle foto decenti. Quindi si, continuo ad acquistare e accumulare libri, alcuni che non entravano nella foto, quindi sarà per la prossima volta. Mi consolo così! Molti tra questi nel frattempo sono stati già letti e recensiti. Altri aspettano come sempre il loro turno. Vedete qualcosa di familiare come intrusi nella foto? Ebbene si ci sono anche "12 anni schiavo" e "Non cercarmi mai più" messi in palio per voi. Un fortunato vincitore si porterà via uno dei due che aspettano sulla mia libreria!

sabato 26 aprile 2014

Recensione - Non cercarmi mai più di Emma Chase

Ho acquistato "Non cercarmi mai più" di Emma Chase apposta per il giveaway indetto nel blog. Certo, conoscevo già il titolo e avevo letto qualche recensione al riguardo, di cui alcune pienamente positive. Nonostante ciò ero scettica sul leggerlo o meno, avendolo in mano ne ho approfittato per sfogliarlo ritrovandomi a finirlo. E' una lettura molto leggera e tratti ironica, sicuramente adatto ad accompagnarvi per qualche ora pomeridiana.

Titolo: Non cercarmi mai più (Tangled #1)
Autore: Emma Chase
Editore: Newton Compton
Pagine: 286
Prezzo: 9,90
Data pubblicazione: 27 Novembre 2013

Trama:
Drew Evans è bello e arrogante, fa affari multimilionari nella società di famiglia e seduce le donne più belle di New York con un semplice sorriso. Allora perché è stato per sette giorni con le imposte chiuse nel suo appartamento, triste e depresso? Lui risponderebbe che è colpa dell'influenza. Ma noi tutti sappiamo che non è proprio la verità. Katherine Brooks è brillante, bella e ambiziosa. Quando Kate viene assunta come nuova associata presso l'impresa di investimento bancario del padre di Drew, il focoso playboy entra in tilt. La competizione professionale che si stabilisce tra i due mette in crisi Drew, l'attrazione per lei è fonte di distrazione.
Sicuramente una lettura così come viene presentata: "Sexy, romantica ed esilarante". Una lettura scorrevole, che intrattiene il lettore e si finisce in qualche ora di lettura.
La narrazione avviene in prima persona e per una volta, a differenza dei tanti romanzi del genere, non è la donna a narrare, ma troviamo il punto di vista maschile. 
Drew il protagonista è un po' lo stereotipo di questo genere: bello, ricco, playboy. La protagonista Kate d'altro canto è un peperino che si lascia desiderare ed è... fidanzata. Non fidanzata e basta, ma fidanzata da tipo dieci anni. La storia inizia in uno scenario pienamente disordinato, troviamo Drew nel suo appartamento solitamente in condizioni perfette e ordinato impeccabilmente (insomma infondo è un milionario) che dice di avere "l'influenza", un'influenza talmente grave da essersi trascurato a tal punto di trovarsi in condizioni irriconoscibili e con l'appartamento sottosopra. Non è un'influenza qualsiasi, non di quelle con il moccio colante e la fronte in bollore ma un'influenza che si appresta subito a spiegare.... E così ci addentriamo in una metà del libro nuova e di ricordi, dove viene spiegata la situazione iniziale e di come il protagonista sia finito in tali condizioni. Come ci è finito e cos'è l'influenza che si sente addosso? Di mezzo c'entra niente di meno che una donna. Il protagonista non era un playboy dal sorriso smagliante conquista tutte? Vi chiederete. Si, effettivamente si. Ma quando  Kate viene assunta dal padre di Drew nella sua impresa di investimento bancario si accende un forte desiderio per quella donna perfetta, sicura di sé, ambiziosa e soprattutto bellissima.
Ora con questo quadro, immaginate questa ragazza che incontra questo famoso playboy milionario. Okay, più o meno sappiamo come andrà a finire. Ma non finisce qui, il tutto è contornato da una piacevole ironia del personaggio, che strappa sicuramente qualche risata durante la lettura.
Il fattore "milionario" c'è ma si sente poco, non è portato a livelli estremi tipo elicotteri o l'uomo che possiede mezza (se non l'intera...) città in cui vive. Niente cose esagerate e trasognanti, ma una giusta dose tra realtà ed eccesso, per un personaggio come questo.
È strano pensare che l'autrice sia donna, perché nella mente di Drew sembrava proprio fosse un uomo a raccontare di sé e dei pensieri o abitudini di coloro del suo stesso sesso. Grande nota positiva per l'autrice!
D'altro canto però anche se il romanzo è partito in quarta una volta tornati al presente insieme al personaggio e al susseguirsi di eventi la lettura è rallentata così come alcuni passaggi mi sono risultati fastidiosi e scontati. Di punto in bianco il protagonista si risveglia e subisce un forte cambiamento, ma la mia antipatia va tutta a Kate, che si fa desiderare tanto e in realtà non dà nulla. Anche tutta la questione di conquista mi è parsa inutile, con le reazioni di una lei... buttate lì. Lui d'altro canto è e rimane un grande, con tutta la sua grande ironia e forza di volontà. Sicuramente un ragazzo che desidererebbero in tante, oddio non nella versione da playboy sciupa femmine, si intende.
Voto: 3/5
La composizione della serie:

1. Non cercarmi mai più (Tangled #1) - 2013 Italia
1.5 Dimmi di sì (Tangled #1.5) - Ebook 2014 Italia
2. Twisted (Tangled #2) - Cercami ancora 29 Maggio 2014 Italia 
3. Tamed (Tangled #3) - Attualmente inedito in Italia
4. Tied (Tangled #4) - Attualmente inedito in Italia

giovedì 24 aprile 2014

Aggiornamento: Nuova Grafica

Buon pomeriggio carissimi! Aggiorno con un post veloce veloce. Non avevo nessuna intenzione di cambiare grafica, fino ad oggi pomeriggio. La precedente era proprio uno sprizzo di colori primaverili, ma purtroppo a lungo andare a me tutto quel colore un po' ha stuccato. Quindi, avendo un pomeriggio libero e presa dalla voglia di fare (si, spesso manca quella per apportare grandi cambiamenti al blog) ho deciso di mettermi sotto e creare qualcosa di nuovo, soprattutto per quanto riguarda i colori. Ora il blog è tornata ad una tonalità più neutra, che rispecchia e sia adatta più a me. Cosa ne pensate? Ho fatto bene? Concludo ricordandovi che è iniziato ieri il GIVEAWAY indetto per il raggiungimento dei 200 Follower, dove potete scegliere un libro tra i due messi in palio!



mercoledì 23 aprile 2014

200 Follower GIVEAWAY! Vinci un libro a scelta tra i due messi in palio!

Buongiorno beauties! Oggi una piccola sorpresina per voi. Avevo già accennato nel post di auguri pasquali il piccolo traguardo raggiunto da Alla scoperta di Libri. Il blog ha raggiunto i 200 Follower e che modo migliore per ringraziarvi se non con un Giveaway? Il primo in assoluto del blog *regala avanzi di cioccolata*  , *lancia coriandoli a giro*.

Potrete vincere un libro cartaceo a scelta tra i due titoli messi in palio, sono entrambi uscite del 2014 e accolti in maniera molto positiva dal pubblico di lettori.

I due libri tra cui potete scegliere sono: 
  • "12 Anni Schiavo" di Solomon Northup da cui è stato tratto il film che è uscito quest'anno nelle sale cinematografiche
  • "Non cercarmi mai più" di Emma Chase, primo di una trilogia (Tangled Trilogy) il cui secondo libro (Cercami ancora) uscirà a breve (22 Maggio 2014)
Come vedete sono due generi completamente diversi, ho deciso di variare un po' in modo che possiate scegliere il titolo che più vi attira. I due libri sono copie acquistate e messe in palio da me appositamente per il giveaway.

Non mi resta che augurarvi un in bocca al lupo e ringraziarvi infinitamente per aver contribuito a questo mio piccolo traguardo!


Trama:
Solomon Northup, un uomo nato libero, fu rapito a Washington nel 1841, poi ridotto in schiavitù per dodici, interminabili anni. In queste memorie, pubblicate per la prima volta nel 1853, troviamo tutta la sua storia: catturato con l'inganno a Washington da due mercanti che fingevano di essere interessati alle sue doti di violinista, venne drogato, legato e trascinato al mercato degli schiavi. Lì fu subito minacciato: se avesse rivelato di essere nato libero, sarebbe stato ucciso. Iniziarono così dodici anni di schiavitù, di violenze, brutalità e sofferenze senza fine. Capì che gli schiavi valevano meno del bestiame: potevano essere picchiati, costretti a lavori massacranti, potevano morire nella completa indifferenza. Lui stesso venne assalito con un'ascia, minacciato di morte, fu costretto a uccidere per salvarsi. Poté vivere sulla sua pelle una delle pagine più nere della storia d'America, la piaga purulenta nascosta dietro la splendente vetrina del Paese che cresceva e abbatteva ogni confine. Persino il Campidoglio, il massimo monumento all'orgoglio americano, fu costruito dagli schiavi. Poi, al culmine della disperazione, Solomon incontrò un uomo buono, un bianco che era completamente diverso dagli altri. A lui Solomon affidò una lettera per sua moglie, per farle sapere che era ancora vivo. Ebbe inizio il lungo, doloroso processo. E da quel momento tutto cambiò.

Trama:
Drew Evans è bello e arrogante, fa affari multimilionari nella società di famiglia e seduce le donne più belle di New York con un semplice sorriso. Allora perché è stato per sette giorni con le imposte chiuse nel suo appartamento, triste e depresso? Lui risponderebbe che è colpa dell'influenza. Ma noi tutti sappiamo che non è proprio la verità. Katherine Brooks è brillante, bella e ambiziosa. Quando Kate viene assunta come nuova associata presso l'impresa di investimento bancario del padre di Drew, il focoso playboy entra in tilt. La competizione professionale che si stabilisce tra i due mette in crisi Drew, l'attrazione per lei è fonte di distrazione.

Per partecipare al giveaway non vi resta che seguire queste piccole semplici regole:

-Iscrivetevi come lettori fissi del blog (potete farlo cliccando sulla colonna a destra "Unisciti a questo blog") lasciandomi il nick con il quale siete iscritti 
-Compilare il form qua sotto con tutti i punti richiesti 
-Mettere mi piace alla pagina di Alla scoperta di libri su Facebook (facoltativo)
-Lasciare un commento come prova della vostra partecipazione inserendo la vostra mail e rispondendo a questa domanda: Quale tra i due libri preferiresti ricevere e perché? (la vostra scelta sul libro sarà decisiva su quale dei due riceverete a conclusione giveaway)

Per ricevere punti in più (è possibile farlo una volta al giorno):

-Condividere il banner sul vostro blog
-Condividere l'iniziativa su altri social (Facebook, Twitter, G+)

Il banner per la condivisione:



Potete partecipare fino al 15 Maggio 2014 dopodiché sarà estratto il vincitore! Al vincitore verrà inviata una mail, in caso di mancata risposta entro una settimana di tempo, verrà estratto un nuovo vincitore.

a Rafflecopter giveaway

martedì 22 aprile 2014

Teaser Tuesday #28 - Ti aspettavo di J.Lynn

Nuovo appuntamento con la rubrica Teaser Tuesday del martedì ideata dal  blog Should be Reading! Lo scopo è quello di riportare uno spezzone del libro che abbiamo attualmente in lettura. Per prendermi una pausa da tutte le letture impegnative che ho fatto e che sto continuando a tirare avanti ho deciso di scegliere un libro da poter leggere in tranquillità. "Ti aspettavo" è stato accolto in maniera molto positiva dal pubblico di lettori italiano, tanto da aver avuto più ristampe in un brevissimo lasso di tempo. Ero molto combattuta sul leggerlo o meno ma alla fine ho deciso di dargli una possibilità. Il nome dell'autrice J.Lynn altro non è che lo pseudonimo di Jennifer L.Armentrout, autrice famosissima grazie anche alla serie Lux. L'inizio è stato abbastanza prevedibile...speriamo bene! E voi? L'avete letto? Cosa state leggendo?
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri ad una pagina a caso
  3. Condividi qualche riga di testo della pagina
  4. Attenzione a non fare spoiler!
  5. Riporta il titolo e l'autore del libro
Mi accovacciai a raccogliere le penne, facendo scivolare i capelli in avanti per nascondere il viso. «Non sei tenuto ad aiutarmi.»
«Nessun problema.» Raccolse un foglio di carta e poi alzò lo sguardo su di me. «Astronomia, corso base? Ci sto andando anch’io.»
Fantastico. Per l’intero semestre avrei rivisto in aula il ragazzo che avevo quasi ucciso in corridoio. «Adesso sei in ritardo anche tu. Mi spiace, sul serio.»
Lui finì d’infilare la mia roba nella borsa, si rialzò e me la porse. «Non fa niente.» Quell’accenno di sorriso si allargò ma rimase obliquo, creando una fossetta sulla guancia sinistra. «Sono abituato alle ragazze che si gettano tra le mie braccia.»
Battei le palpebre, credendo di aver capito male: perché di sicuro quel bellimbusto con gli occhi azzurri non poteva aver detto una cosa così stupida.
E invece sì, e non aveva finito: «Ma nessuna mi aveva mai aggredito alle spalle. Non è male, devo dire».
Le guance mi s’infiammarono, ma ritrovai la lucidità. «Non volevo aggredirti alle spalle né gettarmi tra le tue braccia.»
«Ah, no?» Il ghigno non accennava a scomparire. «Be’, è un peccato. Altrimenti sarebbe stato il miglior primo giorno di lezione della storia.»

domenica 20 aprile 2014

Buona pasqua + 200 Follower



Buon pomeriggio carissimi! Avete pranzato? Siete belli pieni? Siete arrivati all'ora....del dolce? Vi scrivo un post veloce veloce per farvi i miei migliori auguri di buona pasqua! Non si è mai troppo grandi per desiderare le uova di cioccolato, che siano di Kinder o meno ;)!
Abbuffatevi, fatevi una bella scorpacciata di cioccolata al latte, fondente, bianca o di tutti i gusti, alla dieta penseremo più in là o come sempre, anche mai.

Ci tenevo, e ne approfitto, anche per ringraziarvi di questo piccolo traguardo raggiunto, siamo finalmente arrivati ai 200 follower! E io per ringraziarvi sto preparando una piccola sorpresina... sia mai potrebbe esserci un giveaway in questi giorni. Stay tuned!


A presto,

Cristina

sabato 19 aprile 2014

Recensione - Prodigy di Marie Lu

Arriva la recensione di Prodigy secondo attesissimo volume della serie creata da Marie Lu! Finalmente ho avuto il tempo di finirlo e nonostante mi sia piaciuto un pochino meno rispetto al primo, rimane una fantastica lettura distopica. Fuga, salvezza, verità nascoste, amici e poi nemici. Sicuramente un volume pieno di azione e suspense! Tutto ciò che credevamo di sapere è stato completamente capovolto. (Clicca qui per leggere la recensione di Legend)


Titolo: Prodigy (Legend #2)
Autore: Marie Lu
Editore: Piemme Freeway
Pagine: 298
Prezzo: 16,50
Data pubblicazione: 11 Marzo 2014
Trama: Los Angeles, Stati Uniti. Il Nord America è spaccato in due parti, la Repubblica e le Colonie, e la guerra sembra destinata a non finire mai. June e Day arrivano a Vegas dopo essere miracolosamente sfuggiti all'ingiustizia della Repubblica quando l'inconcepibile accade: l'Elector Primo muore e il figlio Anden prende il suo posto. Mentre la Repubblica sprofonda nel caos, i due ribelli innamorati si uniscono ai Patrioti nel disperato tentativo di salvare il fratello di Day, Eden. E i Patrioti accettano, ma a una condizione: June e Day dovranno prima uccidere il nuovo Elector. E l'occasione per cambiare il mondo, per dare un senso alla morte di tante persone amate e di tanti innocenti... peccato che il nuovo Elector, l'affascinante e sensibile Anden, sembri completamente diverso dal suo crudele genitore. E se i Patrioti si stessero sbagliando?
Prodigy, secondo volume della serie Legend creata dall'autrice Marie Lu, riprende la narrazione così come è stata lasciata nelle ultime pagine che concludevano il primo volume. 
Day e June, i due protagonisti, sono in fuga dalla Repubblica e le sue crudeltà verso Vegas, con la speranza di cercare Eden, il fratellino di Day. Unirsi ai Patrioti, i ribelli del sistema, e trarne vantaggio è diventata l'unica speranza e possibilità di sopravvivenza. Nonostante Day sia sempre stato spronato ad unirsi ai Patrioti non si è mai fatto convincere, ma ora la situazione si è capovolta. La Repubblica ha in mano Eden, il fratellino di Day, e anche Tess, la sua migliore amica, si è unita ai Patrioti. Ma come sempre nulla è gratuito e nonostante entrambi vengano ben accolti dai Patrioti gli viene imposta una condizione: per restare dovranno uccidere il nuovo Elector Primo, Anden.

Avevo adorato follemente Legend bramando l'uscita del seguito. Prodigy purtroppo non mi è piaciuto
tanto quanto il primo, tanto da meritarsi una valutazione piena come la precedente.
Ho faticato un po' all'inizio a rientrare in sintonia con tutto il sistema dell Repubblica o della situazione così come era stata lasciata dalla fine del libro precedente, non ci sono stati molti recap per rinfrescare la memoria. L'azione aiuta, e una volta addentratici  il susseguirsi di eventi coglie alla sprovvista e piano piano il tutto riaffiora alla mente. Non mi è piaciuto il quadrilatero amoroso Day Tess, June Anden, assolutamente innecessario.  Già durante la lettura della trama e vedendo la comparsa del personaggio di Anden mi era venuto subito in mente Shatter Me, di recente lettura, sperando in tutti i modi che l'inserimento di questo nuovo particolare non cadesse nel banale (sia chiaro, in Shatter Me io facevo il tifo per Warner e penso sia difficile soddisfare nuovamente un triangolo amoroso così eh!)
A parte il quadrilatero, rimane comunque piacevole scoprire che la Repubblica può avere una speranza nella falla del suo sistema. Un sistema così crudele e selettivo. Eppure i nemici non sempre son nemici, gli amici nemmeno. Pugnalate alle spalle arrivano sempre da direzioni che non ci si aspetta, e questo è stato provato più volte dalla fantasia dell'autrice. Sono rimasta piacevolmente colpita da come è stata sviluppata la questione delle guerre tra due parti, in Prodigy l'intero quadro viene spiegato meglio e si ha una visione più completa di come Repubblica e Colonie siano divisi. Le Colonie, terra tanto ambita e immaginata dai repubblicani sarà veramente così lucente come viene descritta? E la guerra? Chi vince, chi perde. Chi sono i reali nemici?
In Legend avevo ribadito che la questione dei protagonisti così piccoli non mi avesse infastidito, perché è stato sottolineato più volte il fattore super-intelligenza, ma in Prodigy spesso mi dimenticavo questo particolare...trovando le spiegazioni dettagliate tra parentesi quasi noiose. Non so cosa aspettarmi nel seguito... Ma ho quasi paura a scoprirlo. Il finale è sicuramente devastante, seppur mi abbia lasciata comunque priva di quelle emozioni che avrei dovuto provare nella determinata situazione, forse perché non ci credo. Forse perché ho come una sorta di premonizione su come andranno a finire le cose.

Io sono affezionata a questa serie, la mia valutazione nonostante i punti no è di quattro stelle per la fiducia che nutro nell'autrice e la bravura ad aver costruito e sviluppato l'intera trama capovolgendo la questione del sistema Repubblica, Patrioti e Colonie. Finger crossed per il grande finale!

Voto: 4/5
La composizione della serie:

0.5 Life before Legend (Legend #0.5) - Attualmente inedito in Italia
1. Legend (Legend #1)
2. Prodigy (Legend #2)
3. Champion (Legend #2) - Attualmente inedito in Italia

giovedì 17 aprile 2014

Resta anche domani di Gayle Forman diventa un film - TRAILER

Buongiorno carissimi! Oggi arrivo con una bellissima notizia riguardante un libro di cui ho sempre sentito parlare benissimo ma che non ho ancora avuto l'opportunità di leggere. Ieri giravo tranquillamente su Youtube quando vengo a conoscenza dell'uscita di un film, un film tratto da un libro che mi son detta tra me e me, eppure lo conosco. Una volta capito di cosa si trattava ho fatto i salti di gioia! E poi, quando un libro diventa un film, per me è sempre bellissimo. Sto parlando di "Resta anche domani" di Gayle Forman, autrice conosciuta grazie anche alle recenti uscite "Per un giorno d'amore" e "Per un anno d'amore" pubblicati in contemporanea nello stesso giorno, grazie alla casa editrice Mondadori per la collana Chrysalide. E' uscito da poco il trailer ufficiale in America con l'uscita del film "If i stay" prevista per il 22 Agosto 2014, spero vivamente che arrivi il prima possibile nelle nostre sale! Il libro, in Italia, è stato pubblicato nel 2009 ma a quanto pare non è stato mai pubblicato il suo seguito, dal titolo inglese "Where she went" (Dove è andata?), incrociamo le dita e nel frattempo penso proprio sia giunto il momento di leggere il libro. Che ne pensate? Qualcuno l'ha letto?



Titolo: Resta anche domani (If i stay #1)
Autore: Gayle Forman
Editore: Mondadori
Pagine: 246
Prezzo: 15,00
Data pubblicazione: 05 Maggio 2009

Trama: Non ti aspetteresti di sentire anche dopo. Eppure la musica continua a uscire dall'autoradio, attraverso le lamiere fumanti. E Mia continua a sentirla, mentre vede se stessa sul ciglio della strada e i genitori poco più in là, uccisi dall'impatto con il camion. Mia è in coma, ma la sua mente vede, soffre, ragiona e, soprattutto, ricorda. La passione per il violoncello e il sogno di diventare una grande musicista, l'ironia implacabile di Kim e la scazzottata che ha inaugurato la loro amicizia, l'amore di un ragazzo che sta per diventare una rockstar e la prima volta che, tra le sue mani, si è sentita vibrare come un delicato strumento. Ma ricorda anche quello che non troverà al suo risveglio: la tenerezza arruffata di suo padre, la grinta di sua madre, la vivacità del piccolo Teddy, l'emozione di vivere ogni giorno in una famiglia di ex batteristi punk e indomabili femministe. A tanta vita non si può rinunciare. Ma cosa rimane di lei, adesso, per cui valga la pena restare anche domani?



mercoledì 16 aprile 2014

WWW Wednesday #11

Buon giorno beauties! Come state? Come procedono le vostre letture?

WWW Wednesday è una rubrica del mercoledì ideata dal blog Should be Reading con l'intento di riportarvi le nostre letture concluse, in corso e future.

  • What are you currently reading? Che cosa stai leggendo?
  • What did you recently finish reading? Cosa hai appena finito di leggere?
  • What do you think you’ll read next? Cosa pensi leggerai in seguito?
Che cosa stai leggendo?

Prodigi di Marie Lu, secondo capitolo della serie Legend, Legend mi era piaciuto un sacco (vedi recensione) e non vedevo l'ora di leggere il seguito. Purtroppo l'ho preso in mano subito dopo aver finito con Allegiant di Veronica Roth, con la mente in subbuglio, quindi ne sto rallentando la lettura. Poi ho iniziato da poco Un giorno di David Nicholls.

Cosa hai appena finito di leggere?

 

Insurgent e Allegiant di Veronica Roth. Vedevo talmente tanti topic spoilerosi a giro che non ho potuto fare a meno di prendere e rileggermi tutta la serie in vista del film ma soprattutto anche per il capitolo conclusivo, per evitare di ritrovarmi davanti allo spoiler per errore. Ho visto molti che hanno odiato il finale, altri che l'hanno apprezzato. Io sono rimasta soddisfatta dal corso degli eventi e le scelte molto coraggiose dell'autrice! Poi ho letto "Il bacio dell'ombra" di Richelle Mead, terzo volume della serie dell'Accademia dei vampiri e "Bianca come il latte rossa come il sangue" di Alessandro D'avenia.

Cosa pensi leggerai in seguito?

Sono molto indecisa questa settimana sullo scegliere le prossime letture. Vorrei tanto leggere qualche libro che mi è stato mandato da autori esordienti, purtroppo però ultimamente non riesco a leggere in ebook, visto che ho la possibilità di leggerli solo tramite cellulare o Ipad. La mia vista fa brutti scherzi...soprattutto ultimamente che divoro anche così tanti cartacei! Quindi non so, mi lascerò ispirare come sempre stando a fissare la mia libreria...

martedì 15 aprile 2014

Teaser Tuesday #27 - Un giorno

Buon pomeriggio beauty readers! Nuovo giorno per la rubrica Teaser Tuesday ideata dal blog Should be reading con lo scopo di riportare uno spezzone di un libro che abbiamo attualmente in lettura! Io sto leggendo "Prodigy" di Marie Lu e ho iniziato "Un giorno" di David Nicholls, a cui dedico il teaser della settimana. E voi? Cosa avete attualmente in lettura? Qualcuno di voi ha letto questo libro?
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri ad una pagina a caso
  3. Condividi qualche riga di testo della pagina
  4. Attenzione a non fare spoiler!
  5. Riporta il titolo e l'autore del libro



«E' un suono meraviglioso» le mormorò fra i capelli. «I merli di primo mattino».
«Io invece non lo sopporto. Mi fa pensare che ho fatto qualcosa di cui dovrò pentirmi».
«A me piace proprio per questo» disse, puntando di nuovo a un effetto tenebroso, carismatico. Una pausa, e aggiunse: «Perché, è cosi'?».
«Cosa?».
«Sei pentita di qualcosa che hai fatto?».
«Intendi dire questo?». Gli strizzò la mano. «Oh, l'ho messo in conto. Per ora non lo so. Interrogami più tardi. E tu?».
Dex le baciò la testa. «Pentirmi, io? Giammai» disse, e pensò che quella doveva essere l'ultima volta, assolutamente.
Soddisfatta della risposta, si rannicchiò fra le sue braccia. «Forse un po' di sonno ci farebbe bene».
«Perché? Domani non abbiamo niente da fare. Nessuna scadenza, nessun lavoro...».
«Abbiamo tutta la vita davanti a noi, ti sembra poco?»

lunedì 14 aprile 2014

Recensione - Bianca come il latte rossa come il sangue di Alessandro D'avenia

"Bianca come il latte rossa come il sangue" un titolo che mi sono sempre trovata davanti, ovunque. Un titolo che ormai conoscevo a memoria, così come il nome dell'autore che l'ha scritto, Alessandro D'avenia. Eppure l'ho sempre snobbato, non mi sono mai decisa a prenderlo e leggerlo. Nemmeno dopo i vari tentativi di persuasione da parte di conoscenti, nemmeno una volta appresa la notizia della trasposizione cinematografica nel 2013. Poi l'ho trovato lì in biblioteca, incastrato in mezzo ad altri anonimi libri e ho pensato, massì è giunto il suo momento. Mai avrei pensato potesse catturarmi una scrittura così semplice e complicata allo stesso tempo. Semplice ma profonda.


Titolo: Bianca come il latte rossa come il sangue
Autore: Alessandro D'avenia
Editore: Mondadori
Pagine: 254
Prezzo: 13,00

Trama: Leo è un sedicenne come tanti: ama le chiacchiere con gli amici, il calcetto, le scorribande in motorino e vive in perfetta simbiosi con il suo iPod. Le ore passate a scuola sono uno strazio, i professori "una specie protetta che speri si estingua definitivamente". Così, quando arriva un nuovo supplente di storia e filosofia, lui si prepara ad accoglierlo con cinismo e palline inzuppate di saliva. Ma questo giovane insegnante è diverso: una luce gli brilla negli occhi quando spiega, quando sprona gli studenti a vivere intensamente, a cercare il proprio sogno. Leo sente in sé la forza di un leone, ma c'è un nemico che lo atterrisce: il bianco. Il bianco è l'assenza, tutto ciò che nella sua vita riguarda la privazione e la perdita è bianco. Il rosso invece è il colore dell'amore, della passione, del sangue; rosso è il colore dei capelli di Beatrice. Perché un sogno Leo ce l'ha e si chiama Beatrice, anche se lei ancora non lo sa. Leo ha anche una realtà, più vicina, e, come tutte le presenze vicine, più difficile da vedere: Silvia è la sua realtà affidabile e serena. Quando scopre che Beatrice è ammalata e che la malattia ha a che fare con quel bianco che tanto lo spaventa, Leo dovrà scavare a fondo dentro di sé, sanguinare e rinascere, per capire che i sogni non possono morire e trovare il coraggio di credere in qualcosa di più grande.
" Quella dei sogni è una balla colossale. Lo sapevo. L'ho sempre saputo. Perché poi arriva il dolore e niente ha più senso. Perché tu costruisci, costruisci, costruisci e poi all'improvviso qualcuno o qualcosa spazza via tutto. Allora a che serve? Nel mio sogno c'era Beatrice e Beatrice era la parte misteriosa del sogno. La chiave che apriva la porta. E adesso arriva questa cosa che me la vuole portare via. Se lei sparisce, sparisce il sogno. E la notte resta nel suo buio più buio, perché non ci sarà nessuna alba. " - Da Bianca come il latte rossa come il sangue di Alessandro D'avenia

Bianco è il colore che fa paura a Leo, Leo come Leonardo, Leo come leone. Bianco è come il colore del vuoto, rosso il colore dell'amore, della passione. Rosso come il colore dei suoi capelli, Beatrice.
Un contrasto forte, necessario. Un contrasto su cui si concentrano i pensieri di Leo, tra la paura del vuoto e
l'amore per Beatrice. Sedicenne già pieno delle proprie convinzioni: il suo sogno è lei. Lui la guarda da lontano, da vicino. Con paura e timidezza. Da lontano ma con una forte passione che arde dentro.
Lei non sa nulla e lui pensa che lei sappia, che lo trovi solo uno sfigato. Ma poi Beatrice inizia ad assentarsi da scuola, leucemia, dicono. Da qui una corsa verso il tempo e la disperazione di perdere il suo dono più grande, che poi nemmeno è a conoscenza, del suo grande amore. Un grandissimo romanzo che narra di un amore sproporzionato di un ragazzo giovane, con le sue convinzioni. Una storia di amicizie e poi vita. La vita che prima ti fa sognare, pretende che tu lo faccia, ma poi ti toglie i tuoi sogni. Sono solo invidiosi, dice Leo. E forse è così, forse se ci fosse realmente un Dio, che lui chiama Finn perché il T9 del cellulare dice così, forse se ci fosse un Finn non gli toglierebbe il suo più grande sogno. Eppure è così che funziona la vita, impari ad amare e impari a vivere. Ma impari anche a convivere con ciò che è il dolore di perdere qualcuno e aprire gli occhi a chi ti è sempre stato vicino.

"Mi dice che serve il permesso dei genitori per i minorenni. Questa è bella! Uno vuole donare il sangue per una persona che sta male e deve chiedere il permesso. Uno vuole costruire un sogno, o salvarlo, e deve chiedere il permesso. Che cazzo di mondo! Ti spingono a sognare e poi ti impediscono di farlo quando hai appena cominciato: sono tutti invidiosi. E allora tirano fuori che per sognare devi chiedere il permesso e per non chiederlo devi essere maggiorenne." - Da Bianca come il latte rossa come il sangue di Alessandro D'avenia

Una scrittura semplice, ma intensa. Una storia vista e rivista, ma raccontata con trasporto. Personaggi che fanno da contorno, con grandi consigli e apprensione. Un'adolescente pieno e determinato, forte e debole. Cieco, ma innamorato. Infondo è così l'amore, anche quando l'oggetto dei tuoi sogni, lo conosci appena. Eppure sei disposto a donare il tuo rosso, il tuo sangue, per cancellare il bianco della malattia. Sei disposto a rinunciare agli amici e alla famiglia, alla scuola e ai giochi, per i tuoi sentimenti. 
Un fantastico viaggio verso la passione ardente di un giovane alla ricerca dei suoi sogni. Sogni a cui cerca di aggrapparsi con tutte le sue forze, sogni che anche se si spezzano, lasciano spazio ad altri sogni. Consigliato.

"Non bisogna avere paura delle parole. Questo è quello che ho imparato con la malattia. Le cose bisogna chiamarle con il loro nome, senza paura. Anche se quella parola è morte. Io non ho più paura delle parole, perché non ho più paura della verità. Quando c'è in ballo la tua vita non ne puoi più di giri di parole." - Da Bianca come il latte rossa come il sangue di Alessandro D'avenia
Voto: 4/5

venerdì 11 aprile 2014

I libri migliori per i lettori divergenti: a quale fazione appartieni?

Sul sito della Mondadori ho visto questa bellissima idea di creare delle "categorie" di lettori per fazioni con i conseguenti consigli di lettura. Vista la notorietà di Divergent dell'autrice Veronica Roth grazie all'uscita in tutte le sale della trasposizione cinematografica dal libro sono sicura che molti sapranno di cosa sto parlando. Citando appunto Antonella Sbriccioli: "Ti consideri un Erudita, sei coraggioso come un Intrepido, o sei un Pacifico? Sei altruista, come un Abnegante, o sei tanto onesto da essere Candido? Anche nel caso tu fossi fuori dagli schemi, come Tris, la protagonista di Divergent, qui c'è qualcosa che potrebbe piacerti."
Approfittare della notorietà di un film che raggiunge un pubblico spesso più vasto che nel mondo della lettura penso sia un occasione veramente utile e da cogliere al balzo, anche se spesso a scopo di marketing. Ma, infondo, condividere titoli e incuriosire le persone a leggere di più è sempre positivo. Io ho deciso di dividere le sezioni con consigli di letture mie e che mi sono piaciute molto!

Storie per lettori Eruditi
Gli eruditi pensano che la conoscenza possa risolvere qualsiasi problema. Sono ottimi bibliotecari, medici, scienziati ed insegnanti. Queste letture fanno per loro. Attenzione però a lasciare un po' di posto anche alla passione e al sentimento


mercoledì 9 aprile 2014

Recensione - Divergent di Veronica Roth + Breve riflessione sul film

In vista dell'uscita al cinema di Divergent ne ho approfittato per fare una rilettura del fantastico libro scritto da Veronica Roth. Divergent penso sia stato il libro che mi ha portata ad amare follemente il genere distopico (con 1984 di Orwell ai tempi delle lezioni di letteratura inglese non era andato così magnificamente...) tanto da prediligerlo come genere e come letture must. Non avevo ancora il blog ai tempi, mi sembra passato così tanto tempo! Ne approfitto quindi per scrivere una recensione completa ora che mi sono rinfrescata la memoria.
Lunedì sono andata a vedere il film e devo dire che è stato molto fedele al libro, avevo quasi paura potesse deludere le mie aspettative o peggio rovinarle completamente (paure che accomunano sempre i lettori nè). Ma sono rimasta contentissima, l'unica cosa che mi ha fatto un po' storcere il naso è stato più che altro per il mio essermi immaginata i personaggi secondari in maniera diversa. Mi ero immaginata un Peter tutto muscoli e poco cervello, mentre nel film sembra un comune bulletto senza qualità fisiche che sovrastino altri. Mi ero immaginata una Christina e un Will diversi, nel film gli è stato dato molto meno spazio che nel libro. Quattro e Tris mi sono piaciuti moltissimo. Inizialmente Theo James, l'attore scelto per il ruolo, non mi convinceva. Adesso ne sono follemente innamorata! L'ambientazione è fantastica ci sono stati momenti in cui quasi mi venivano le lacrime agli occhi a vedere rappresentati i coraggiosi Intrepidi saltare dal treno, o le scene che più mi sono piaciute del libro descritte in maniera molto esauriente! E voi? Come avete trovato il film? Let me know!



Titolo: Divergent ( Divergent #1 )
Autore: Veronica Roth
Editore: DeAgostini
Pagine: 480
Prezzo: 9,90

Trama:Dopo la firma della Grande Pace, Chicago è suddivisa in cinque fazioni consacrate ognuna a un valore: la sapienza per gli Eruditi, il coraggio per gli Intrepidi, l'amicizia per i Pacifici, l'altruismo per gli Abneganti e l'onestà per i Candidi. Beatrice deve scegliere a quale unirsi, con il rischio di rinunciare alla propria famiglia. Prendere una decisione non è facile e il test che dovrebbe indirizzarla verso l'unica strada a lei adatta, escludendo tutte le altre, si rivela inconcludente: in lei non c'è un solo tratto dominante ma addirittura tre! Beatrice è una Divergente, e il suo segreto - se reso pubblico - le costerebbe la vita. Non sopportando più le rigide regole degli Abneganti, la ragazza sceglie gli Intrepidi: l'addestramento però si rivela duro e violento, e i posti disponibili per entrare davvero a far parte della nuova fazione bastano solo per la metà dei candidati. Come se non bastasse, Quattro, il suo tenebroso e protettivo istruttore, inizia ad avere dei sospetti sulla sua Divergenza...
Se non avete ancora avuto modo di leggere il libro, affrettatevi. Non aspettate oltre e addentratevi nel fantastico mondo di Veronica Roth. A causa della guerra la società è stata divisa in fazioni e chiusa in delle mura. Cinque fazioni che servono a mantenere la pace, fazioni ognuna con le proprie caratteristiche così come i loro compiti da eseguire. Ci sono gli Eruditi, dalla forte intelligenza e con un grande sapere, i Pacifici dediti alla pace e all'amicizia, i Candidi con una forte sincerità, gli Abneganti generosi e altruisti al vertice del governo, e poi gli Intrepidi, forti e coraggiosi con il compito di proteggere la città. Coloro che non riescono a superare l'iniziazione che li poterà a far parte di una delle cinque fazioni, vivrà da Escluso per le strade.

La storia ruota attorno alla protagonista Beatrice Prior, sedicenne appartenente alla fazione degli Abneganti. Nonostante la sua fazione sia dedita all'altruismo lei non è mai riuscita ad essere altruista di natura, tanto da cambiare fazione a quella degli Intrepidi durante l'iniziazione, tradendo così i genitori. Il test serve ad indirizzare i ragazzi alla fazione che più gli s'addice, attraverso le scelte che uno esegue in determinati scenari, ma gli Intrepidi non sono il risultato del test di iniziazione di Beatrice.  Per lei è stato diverso, è risultata conforme a più fazioni, scoprendo quindi di essere una Divergente. Ma la divergenza è sinonimo di pericolo nella sua società, tanto da doverlo nascondere. Inconsapevole di quale sia il vero pericolo la protagonista si ritroverà a crescere e diventare forte grazie anche ai duri allenamenti da intrepida cercando di nascondere la sua natura divergente, finché la pace verrà minacciata da una guerra imminente tra fazioni...


Inutile dire quanto mi sia piaciuto l'intero aspetto dispotico del libro, la Roth è stata un genio a suddividere un intera popolazione per categorie e colori, per intelligenza o coraggio. Eppure, facendo una più profonda riflessione, ci accorgiamo di come il tutto si rifletta un po' anche nel nostro mondo reale. Siamo tutti diversi ma mischiati nella società, ognuno con qualche elemento in più o in meno che ci accomuna o che ci differenzia. Con la divisione delle fazioni e la loro descrizione, non vi siete ritrovati un po' Eruditi dentro, o Abneganti con un misto di Candidi e così via? E' vero quello che dice Quattro, il protagonista maschile, nella spiegazione dei suoi tatuaggi: i simboli di tutte le fazioni. Perché? Perché non vuole essere solo coraggioso, vuole essere anche tutto il resto.
La storia è additiva, difficile staccarsi da tutti gli avvenimenti che si susseguono. Affrontiamo le paure di Tris nelle sue simulazioni, ci avviciniamo insieme a lei al suo istruttore, Quattro. Soffriamo delle sue riflessioni, i suoi dubbi o paure. Siamo curiosi di sapere il significato della sua divergenza. Partecipi dall'inizio alla fine, in un mondo che sembra la pace e il controllo, che sembra sia la risposta ai mali. Ma come nella realtà c'è sempre chi ha un segreto da nascondere, o che brama il potere assoluto con conseguenza un'inevitabile piano di guerra.

Voto: 5/5
La composizione della serie:

1. Divergent (Divergent #1)
2. Insurgent (Divergent #2)
3. Allegiant (Divergent #3)

martedì 8 aprile 2014

Teaser Tuesday #26 - Allegiant

Buon inizio settimana beauties! Siamo nuovamente a martedì, torna la rubrica Teaser Tuesday ideata dal blog Should be reading con lo scopo di riportare uno spezzone del libro che abbiamo attualmente in lettura! Pronti? Ho tratto il teaser da Allegiant di Veronica Roth, libro che ho attualmente tra le mani... Ho cercato di evitare spoiler, lasciando il teaser su un pezzo vago!
  1. Prendi il libro che stai leggendo
  2. Apri ad una pagina a caso
  3. Condividi qualche riga di testo della pagina
  4. Attenzione a non fare spoiler!
  5. Riporta il titolo e l'autore del libro


«Preferisci avere la mente lucida o annebbiata?» domanda, rimestando nello zaino. «Ehm...» Inclino la testa. «Lucida. Credo che dobbiamo parlare di alcune cose, giusto?»
«Sì.» Estrae una bottiglietta che contiene un liquido trasparente e frizzante e, mentre svita il tappo, mi spiega: «L'ho rubato dalle cucine degli Eruditi. Pare sia squisito».
Ne versa un po' in ciascun bicchiere e io ne bevo un sorso. Qualunque cosa sia, è dolce come uno sciroppo e sa di limone. Faccio una smorfia. Il secondo sorso è meglio.
«Cose di cui dobbiamo parlare» ripete. «Esatto.»
«Be'...»





Okay fin'ora ho cercato di tenermi alla larga da qualsiasi post che avesse a che fare con Allegiant, perché ho visto molti lamentarsi su un enorme spoiler che per fortuna io ancora non ho letto. Cosa ne pensate? Qualcuno di voi l'ha letto? 

domenica 6 aprile 2014

Sfida a colpi di poesia

Buon giorno beauty readers e buona domenica! A quanto pare su FB sta girando questo tag carino ma cattivello, io sono stata nominata da Giusy!
L'obiettivo è quello di sfidare 5 amici, ognuno avrà 24h per pubblicare sul proprio blog una poesia, altrimenti dovrà regalare un libro alla persona che lo ha sfidato, ogni persona nominata dovrà indicare 5 amici per portare avanti la sfida.

Ora ditemi, chi è l'ideatrice di questa cattiva penitenza? Ahah, non che mi dispiaccia dover regalare libri ma ahimè 1. portafoglio non me lo permette 2. cosa succederebbe se mi taggassero in molti? Quindi si, accetto la sfida ed eccomi qui a postare qualcosa! Io non sono un'esperta di poesie, purtroppo mi intendo più di libri in generale che non di poesia. Poche poesie mi hanno catturata comprendendone appieno il significato, anche perché spesso mi ritrovo a vedere che ognuno interpreta frasi e parole in maniera diversa, creando molteplici significati attraverso una stessa frase.

Ho deciso di postarne una di Primo Levi, tratta da "Se questo è un uomo".

Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo,
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d’inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi:
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.


Ho deciso di non taggare nessuno, anche perché ho visto che molti blog che seguo sono stati già taggati! Vi risparmio il libro da regalarmi :P
Cosa ne pensate di questa poesia? Avete mai letto il libro "Se questo è un uomo" ? Fatemi sapere!

venerdì 4 aprile 2014

Recensione - Morsi di ghiaccio (L'accademia dei vampiri #2) di RichelleMead

Buon giorno carissimi! Come state? Qualcuno di voi ieri è andato al cinema a guardare l'attesissimo film di "Divergent"? Personalmente conto di farlo al più presto. Ultimamente sto facendo proprio la persona responsabile, ho aggiornato molto di frequente il blog, le letture procedono abbastanza bene e riesco a ritagliare il tempo necessario da dedicare alla pianificazione dei post. Quindi si, finché potrò mi vedrete spesso quindi cercate di sopportarmi! Oggi ho pronta la recensione di "Morsi di ghiaccio", secondo capitolo della ormai famosa serie dell'Accademia dei vampiri creata da Richelle Mead.


Titolo: Morsi di Ghiaccio (L'accademia dei vampiri #2)
Autore: Richelle Mead
Editore: Rizzoli
Pagine: 412
Prezzo: 16,50

Trama:L'ultimo anno all'Accademia dei Vampiri è tutt'altro che semplice per Rose Hathaway. Il problema principale è il suo cuore: Dimitri, suo tutor di cui è innamorata, ha messo gli occhi su un'altra ragazza. Poi, come se non bastasse, Rose deve fare i conti con la leggendaria Guardiana Janine, sua madre, che decide di tornare a scuola dopo una lunga assenza. E quando i terribili vampiri Strigoi attaccano in massa, la situazione precipita. Una vacanza sulla neve regala l'illusione di essere al sicuro, ma è proprio allora che Rose corre i rischi più gravi.

"Morsi di ghiaccio", per chi non lo conoscesse, è il secondo capitolo della serie dell'Accademia dei vampiri creata da Richelle Mead. Abbiamo conosciuto nel primo volume la società in cui vivono le protagoniste Rosa e Lissa, una società formata da vampiri vivi e di casata reale, i Moroi, e quelli cattivi e morti-viventi detti Strigoi. Il tutto viene perfettamente riassunto già dalle prime pagine di questo sequel, dove se prima era stato lasciato spazio a qualche dubbio o incomprensione, qui l'intera questione viene ribadita e spiegata perfettamente passo per passo.
Rose, la dhampir, ovvero la guardiana di Lissa, continua ad avere i suoi problemi di cuore. Tra il volere e il dovere, tra istinto e ragionamento. Si è innamorata del suo istruttore Dimitri, colui a cui è stato affidato il dovere di riportarla in pari con gli altri studenti dell'Accademia dopo la sua fuga di due anni nel mondo esterno insieme a Lissa. Il fattore studente-tutor e soprattutto la grossa differenza di età li porterà ad allontanarsi, a maggior ragione ora che durante il periodo di viste dei parenti nell'accademia è spuntata un'altra ragazza. Tra i suoi stessi problemi sentimentali e il fatto che la sua migliore amica spenda la maggior parte del suo tempo con il suo nuovo ragazzo Christian, Lissa si ritrova ad affrontare una situazione totalmente diversa dalla precedente. Quando poi si ritrova per caso davanti alla scena di un multiplo omicidio causato dagli Strigoi, l'intera faccenda precipita. Che non siano più al sicuro come credevano? Possibile che gli Strigoi abbiano iniziato a servirsi degli umani, per oltrepassare le protezioni dei Moroi?

Ho snobbato per molto tempo questa serie, i vampiri avevano stuccato un po' tutti e spesso avevo paura di incappare nuovamente in storie banali viste e riviste. Ma a fine lettura de "L'accademia dei vampiri" sono stata completamente rapita dal mondo creato da Richelle Mead. Finalmente non più i soliti vampiri, finalmente non più licantropi (almeno per ora), ma una battaglia tra il bene e il male, tra vampiri buoni e quelli cattivi. L'intera faccenda dei dhampir, dei Moroi e degli Strigoi continua ad intrigarmi moltissimo, sopratutto ora che nel secondo volume siamo giunti finalmente ad un punto di svolta. Gli Strigoi stanno attaccando e uccidendo moltissimi membri delle casate reali. Sembrano volerli eliminare tutti spuntando addirittura una lista, ma altri verranno trasformati in loro compagni. Attraverso il loro morso possono mutarli, facendoli morire e rinascere, facendoli diventare come loro, vampiri morti e immortali.
La situazione si fa seria, possibile che non siano più al sicuro nemmeno all'interno dell'Accademia? Sono sempre stati protetti dagli scudi creati grazie all'unione di tutti e 4 gli elementi dei Moroi, ma a quanto pare gli Strigoi si sono serviti di un aiuto esterno per oltrepassarli. Che siano in combutta con gli umani? Solo loro sarebbero stati in grado di spezzare gli scudi con un paletto d'argento, anch'esso creato con gli elementi dei Moroi e quindi in grado di uccidere gli Strigoi anche solo al tatto. Cosa può significare tutto questo?
A differenza di "L'accademia dei vampiri" dove il nemico era rappresentato da un interno, qui ci addentriamo finalmente nell'azione dettata dal conflitto tra Moroi e Strigoi. L'intensificazione degli attacchi e i pericoli imminenti riuniscono nell'Accademia anche Dhampir più anziani e esperti, tra cui anche la madre di Rose, Janine Hathaway. Una madre che è sempre stata assente, causa proprio il suo dovere da guardiana. La storia cambia quindi scenario, verranno tutti trasferiti sulle montagne in un luogo più sicuro, per una sorta di "vacanza-settimana bianca", sotto stretta sorveglianza. Verremo a conoscenza così di nuovi personaggi, tra cui Adrian Ivashkov, Moroi più grande e affascinante, ma con una cattiva reputazione, che si interesserà si da subito a Rose, senza lasciare spazio però a nessun triangolo perché lei, in continua lotta contro i sentimenti verso Dimitri, si avvicinerà ad uno dei suoi migliori amici, Mason.

Interessante sviluppo degli avvenimenti che lascia spazio all'azione ma anche ai sentimenti. Troviamo una Lissa leggermente cambiata, ora che è dedita al suo nuovo grande amore. E una Rose che diventa sempre più forte, combattendo contro il male e i suoi stessi sentimenti. Tanti personaggi degni di nota, un linguaggio semplice e scorrevole, che cattura facilmente l'attenzione del lettore.

Voto: 4/5
La composizione della serie:
1. L'accademia dei vampiri (Vampire Academy #1)
2. Morsi di ghiaccio (Vampire Academy #2)
3. Il bacio dell'ombra (Vampire Academy #3)
4. Promessa di sangue (Vampire Academy #4)
5. Anime legate (Vampire Academy #5)
6. L'ultimo sacrificio (Vampire Academy #6) - Attualmente inedito in Italia


giovedì 3 aprile 2014

Book Shout Out #9 - Emma di Francesca Pace

Buongiorno beauties! Come state? Sapete che giorno è oggi, giusto? Esce oggi nelle sale l'attesissimo film di "Divergent" dell'autrice Veronica Roth, non perdetevelo! E nel frattempo colgo l'occasione per presentarvi un romanzo intitolato "Emma" di un'autrice esordiente italiana trasferitasi a Zurigo, Francesca Pace. Emma prende lo stesso nome della figlia e la trama si presenta in maniera molto intrigante. Lei è un'ibrida, metà vampira e metà strega, non ho mai letto un libro con una protagonista simile, chissà cosa c'è da aspettarsi? Curiosi?


Titolo: Emma
Autore: Francesca Pace
Pagine: 440
Prezzo: 23,00 (3,99 ebook)
Dove acquistarlo: Ilmiolibro - Amazon
Link: Facebook - Sito

Leggi un'estratto

Trama: Emma è una ragazza semplice dall'inconsapevole fascino magnetico. La sua vita tranquilla, al confine dell'invisibilità, verrà sconvolta da un cambiamento radicale ed improvviso che la catapulterà nel complesso e violento mondo di streghe e vampiri. Un'inaspettata e travagliata transizione ne muterà in modo definitivo la natura e l'essenza trasformandola in un essere sovrannaturale mai esistito prima. Quando la straordinaria ragazza, accompagnata dai suoi amici di sempre e da un nuovo e viscerale amore, si troverà ad affrontare con coraggio la sua nuova vita imparando ad amarla e ad amare se stessa come mai prima, scoprirà di possedere uno sconfinato ed incontrastabile potere. È, questa, una appassionante ed intensa storia di amicizia, fratellanza e amore.
Breve presentazione dell'autrice:


Mi chiamo Francesca Pace e sono nata a Roma 34 anni fa.
Da sempre appassionata di scrittura e lettura ho scritto racconti e poesie che ho tenuto chiuse in un angolino fino a quando ho preso coraggio e ho deciso di tentare, con questo romanzo, la via della pubblicazione.
Abbandonate le fantasie e i desideri di diventare scrittrice subito dopo l'adolescenza , anche e soprattutto a causa delle necessità che mi sono trovata a fronteggiare, mi sono dedicata ad altri studi universitari laureandomi in fisioterapia.
Sono mamma di due splendidi bimbi ancora piccini e solo ora, una volta abbandonatala la carriera in Italia, e dopo essermi trasferita a Zurigo per seguire il mio cuore, ho rimesso mano alla penna ed eccomi qui a proporvi il mio romanzo pensato e scritto come una bella favola moderna da poter raccontare alla mia bimba più grande...Emma ,appunto.


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...