giovedì 3 luglio 2014

Recensione - Ogni giorno di David Levithan

Buongiorno carissimi lettori! Nuova recensione per il blog, il libro in questione è molto conosciuto tra i lettori, io personalmente ne ho sentito parlare molto. "Ogni giorno" di David Levithan tocca un argomento diverso, cosa fareste se vi svegliaste ogni giorno in un corpo diverso? E' quello che è costretto a subire inspiegabilmente il protagonista della storia trasportandoci a vivere insieme a lui corpi diversi, famiglie diverse, difficoltà diverse...


Titolo: Ogni giorno
Autore: David Levithan
Editore: Rizzoli
Pagine: 370
Prezzo: 15,00
Data pubblicazione: 23 Aprile 2013
Da quando è nato, A si risveglia ogni giorno in un corpo diverso. Per ventiquattr'ore abita il corpo di un suo coetaneo, che poi è costretto ad abbandonare quando il giorno finisce. Affezionarsi alle esistenze che sfiora è un lusso che non può permettersi, influenzarle un peccato di cui non vuole macchiarsi. Quando però conosce Rhiannon, chiudere gli occhi e riprendere il cammino da nomade è impossibile: per la prima volta innamorato, A cerca di stabilire un contatto, di spiegare la sua maledizione, fino a convincere Rhiannon che è tutto vero, che quello che ogni giorno si presenta da lei è la stessa persona, anche se in un corpo diverso. Rhiannon s'innamora a sua volta dell'anima di A, ma dimenticare il suo involucro è difficile, e pian piano la relazione con i mille volti di A si fa più delicata di un vetro sottile. Nel disperato tentativo di non perderla, A tradisce le sue regole, inizia a lasciare nelle esistenze quotidiane tracce e strascichi del suo passaggio, e qualcuno se ne accorge...
Prendendo in considerazione ogni singolo giorno, uno ad uno della nostra esistenza, è facile realizzare quanta poca importanza diamo ad ogni giorno della nostra vita. Per A è diverso, si proprio così, semplicemente "A". Lui da che ne ha memoria ogni giorno della sua vita si è risvegliato in corpi diversi, vite diverse, situazioni diverse. Quando era piccolo era più facile, non conosceva la vita, non sapeva di essere diverso. Crescendo ha capito che gli altri avevano a disposizione un corpo solo, una vita sola, soliti genitori o amici. Mentre lui era costretto a non affezionarsi troppo, non vivere troppo, non scombussolare la routine degli altri. Vivere passivamente la vita altrui, con un'anima che vaga da corpo a corpo. Quanto può essere triste, tutto questo? Tanto, e poi poco, se ci fai l'abitudine. Arrivare alla rassegnazione di svegliarsi e scoprire cosa ha in serbo la vita di un altro per quel giorno. Va bene vivere in questa vita senza spiegazione, fino al giorno in cui A incontra Rhiannon e scatta in lui una scintilla, una voglia di poter restare...

If i wokeup in a different body every day,
 if you never knew what I was going to look like tomorrow,
would you still love me? - Everyday, David Levithan

Riesco finalmente a prendere in mano Ogni giorno dopo il tanto sentito dire ed ecco che mi ritrovo a finirlo tutto d'un fiato. Originalissima l'idea su cui ruota l'intera storia, fantastico il modo con cui è stato trattato dall'autore, David Levithan.
Cosa fareste se da che avete memoria, ogni singolo giorno, vi svegliaste in un corpo diverso?
Corpo e vite diverse, donne o uomini, normali o strani, bisex o omosessuali. L'unica sicurezza è lo svegliarsi in corpi di adolescenti, della tua stessa età e non troppo distanti dalla città di partenza. L'unica sicurezza. Per il resto, ogni risveglio è un nuovo inizio.
Ho apprezzato moltissimo la visuale che ci offre questo saltare da persona a persona, rendendoci partecipi della vita del protagonista, così come dei corpi in cui vive. E' talmente ampio il mondo, che è difficile capire le diverse sfumature di ogni individuo che ci vive. Siamo tutti diversi ed è questo il bello del nostro mondo. Eppure, spesso, è difficile capire gli altri, o sentire cosa hanno da raccontare. Le loro storie o le loro preoccupazioni, così come i segreti o i tormenti. Solo chi li vive è in grado di viverli in pieno. Gli altri, sono solo spettatori. Non è così per il protagonista. Lui è costretto ad adattarsi alle situazioni che gli si presentano, senza permettersi di cambiarle o influenzarle troppo dal loro proseguire.
Finché non in contra lei, una ragazza in grado di insegnarli ciò che sono i sentimenti, la voglia di potersi rivedere, la voglia di poter restare e creare un futuro.
Quanta angoscia, il non avere una vita propria.
Quanta tristezza, sapere di non avere una propria famiglia.
Quanta difficoltà, adattarsi alle vite difficili degli altri senza permettersi di migliorarle.
Quanta crudeltà, il non poter vivere nemmeno l'amore.

Un fantastico viaggio attraverso corpi diversi in grado di farci capire il punto di vista di ogni individuo umano, una grandissima passione a rincorrere il proprio amore nonostante l'impossibilità di farlo. Un forte insegnamento ad apprezzare la nostra vita... ogni giorno.
5/5

17 commenti:

  1. Interessante questo libro! Lo aggiungo subito alla mia WL!!

    RispondiElimina
  2. Stupendo questo libro!Una delle migliori letture di quest'anno *__*
    Devo assolutamente leggere anche gli altri libri di Levithan!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di lui ne ho letto solo un altro, scritto a quattro mani. Che purtroppo non mi è piaciuto particolarmente :/ meno male si è riscattato con questo!

      Elimina
  3. Questo libro è più che in wishlist, dato che ho l'ebook. Desidero leggerlo, anche se so che mi commuoverà tantissimo. *^*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah leggilo! Ti prometto che almeno non fa piangere ! XD

      Elimina
  4. Ne parlano tutti benissimo e io ancora non l'ho letto! ç__ç devo procurarmelo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si Leda, prima o poi arriverà il suo turno dai :P

      Elimina
  5. Che bella recensione, ce l'ho in WL da una vita :))
    Hai letto The Host della Meyer? C'è qualcosa di simile forse, la parte delle anime e del cambiare corpo più volte. La parte del dolore degli altri, di sapere di non poterlo cambiare. Un libro stupendo e uno dei miei preferiti.. quindi questo devo proprio leggerlo! ^-^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio Giada!
      Guarda, The Host me lo sono procurato recentemente, se mi dici così sono proprio curiosa. Spero di poterlo leggere presto!

      Elimina
  6. Aia, qualcosa mi dice che lo aggiungo alla mia Wishlist :P
    Bella recensine, Cristina *-*

    RispondiElimina
  7. appena ho sentito parlare di questo libro, mi ha incuriosita fin da subito.. la storia è davvero particolare e spero di poterlo leggere presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, mi è piaciuta veramente molto l'idea dietro alla storia!

      Elimina
  8. Sono contenta ti sia piaciuto, a me purtroppo non è riuscito ad entusiasmare così tanto e credo di essere una delle poche che la pensa così, forse addirittura l'unica °_°
    Forse inizio ad essere un po' troppo cresciuta per certi tipi di libri, ma è colpa mia che continuo a comprarli xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahah ma no dai, sinceramente durante la lettura ho pensato che per alcuni potessero risultare fastidiosi alcuni dettagli che caratterizzano il libro(Vedi insta-love, vedi l'inserimento di quasi tutti i tipi di corpo che vive il protagonista, come a voler rendere ancora più triste la visuale del "diverso", vedi le cose assurde...). Io ho deciso di soffermarmi solo sugli aspetti positivi che nel compenso mi hanno fatto apprezzare molto la lettura!

      Elimina
  9. Sai che l'anno scorso qualcuno mi ha detto che questo è stato uno dei libri più belli dell'anno? Io non l'ho preso perché nella mia libreria non c'era e allora ho lasciato perdere.
    Adesso però mi hai fatto tornare la voglia di leggerlo uff....

    RispondiElimina

♥ please, lasciate un segno del vostro passaggio!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...